Photo by Zoran Jelača

Le sfarzose ville delle celebrities medievali!

I castelli non sono solamente costruzioni imponenti dalle quali si apre una meravigliosa vista sull’area circostante, ma anche luoghi nei quali potete far rivivere il passato e apprendere come si viveva un tempo. Con la loro architettura maestosa, la ricca storia, i segreti scoperti o rimasti sconosciuti e con le loro numerose leggende, i castelli croati ti lasceranno sicuramente senza respiro, e per qualcuno rappresenteranno forse la fonte di ispirazione per libri, film e popolari serie televisive.

Tanto tempo fa, un conte costruì un meraviglioso castello…

Se desideri trascorrere un giorno come in una fiaba, il castello di Trakošćan rappresenta una scelta perfetta. Posto su una collina, circondato da un meraviglioso bosco e da un lago, questo castello risalente al XIII secolo risveglierà in te un incorreggibile romanticismo. Per un’esperienza da favola, viaggia in calesse nelle sue vicinanze, e in seguito visita il suo interno dove potrai vedere le armature degli eroi, la preziosa collezione di mobili barocchi, trofei di caccia e un’imponente collezione di armi. Una delle leggende dice che esso ha preso il suo nome dai conti Drachenstein, che in realtà significa Dragonstone… Hm, a questo potrebbero pensare tutti i fan della serie “Il trono di spade”.

Sii conte o contessa per un giorno

Sicuramente, almeno una volta nella tua vita, ti sei domandato/a come sarebbe stato vivere in un castello, dormirci e sentirsi come un conte o una contessa. Visita il castello di Bežanec e finalmente soddisferai questa tua curiosità. Questo bel castello del XVII secolo e ora lussuoso hotel, situato su un monte al di sopra del piccolo villaggio di Valentinovo, è un luogo molto richiesto per celebrare le nozze. E come ogni castello che si rispetti, anche Bežanec ha una sua leggenda – che parla di un fantasma buono che fa dono alle coppie di sposi della magia dell’amore eterno. E siccome l’amore passa attraverso lo stomaco, l’esclusivo ristorante del castello Bežanec è un luogo obbligatorio per tutti gli amanti del cibo di qualità. Chissà, forse li sorprenderà il fantasma della cucina locale.

Il castello delle suore

Il castello di Lužnica sembra essere, in un primo momento, forse anche il più insolito tra tutti i castelli menzionati. Per il resto, si tratta di un castello del XVIII secolo che molto tempo fa era di proprietà della famiglia dei conti Rauch. Circondato da un bosco e da campi estesi, ha le facciate abbellite da decorazioni a rilievo, ti domanderai, cosa c’è di tanto singolare? Il castello è di proprietà delle suore, che lo hanno acquistato nel 1925 dalla famiglia dei conti, e col tempo lo hanno trasformato in un’attrazione turistica. E’ aperto ai visitatori, ha 60 stanze per accogliere ospiti, una sala per conferenze, il Wi-Fi, e oltre a eventi di carattere religioso, vengono organizzate conferenze, workshops, iniziative per bambini e adulti, campeggi, picnic… Sembra un meraviglioso luogo per rilassarsi, non è vero?

 

Se i muri potessero parlare…

La nobile città di Veliki Tabor è posta al di sopra della località di Hum Košnički, e da secoli domina la regione dello Zagorje. È una delle città fortificate meglio conservate della Croazia continentale, da cui si gode una meravigliosa vista sullo Zagorje croato e su una parte della Slovenia.

Oltre al castello, anche qui esiste una leggenda, quella di Veronika Desinićka, una dolce e bella ragazza bionda che si innamorò follemente del figlio del padrone del castello, pagando con la vita questo suo amore. Si dice che anche oggi, a Veliki Tabor, si possano sentire i gemiti di Veronika…

Un tesoro nascosto tra i serpenti

Se guardi in direzione della Medvednica, su una delle sue colline vedrai sicuramente il bianco profilo di una fortezza. Si tratta di Medvedgrad, una fortezza medievale del XIII secolo che è conosciutissima per i suoi racconti e le sue leggende. Una delle sue più note leggende è quella della crudele e bella Regina Nera, la proprietaria del castello di nome Barbara Celjska, che dicono che abbia cercato di ingannare persino il diavolo, il quale comprese l’inganno, e per punizione la trasformò in un serpente. Secondo la leggenda, i suoi sudditi, ancora oggi, strisciano per la Medvednica conservando il tesoro della loro padrona e attendendo l’eroe che bacerà il serpente custode e restituirà alla Regina Nera il suo aspetto originario.

Se non vi fosse stata una donna di origine ceca, non vi sarebbe stato neppure il castello

Di questo bellissimo castello situato non lontano da Varaždin, circola il racconto che sia stato costruito da una donna sconosciuta, ma ricca, di origine ceca chiamata Maruša, e che da lei il castello abbia ricevuto il nome – Maruševec. Il castello viene menzionato per la prima volta nel 1547, e da allora ha rappresentato la casa di molte famiglie importanti, che lo hanno sistemato e ampliato con particolare attenzione. Di particolare valore è lo sforzo della famiglia Pongratz, che con l’aiuto di un noto architetto paesaggistico svedese, ha sistemato il giardino interno al castello. Durante la seconda Guerra Mondiale Maruševec è stato devastato e quasi distrutto. Sebbene non abbia più il vecchio splendore, è tuttora meraviglioso e va sicuramente visitato.

Come il piccolo gallo ha fermato i turchi?

Immagina di essere sotto l’assedio dei turchi, che hai fame e che spari da un cannone sui nemici l’unico cibo che hai, in questo caso un gallo? Suona un poco folle, non è vero? Il castello di Đurđevac è stato testimone proprio di questo avvenimento. Tuttavia, prima di giungere a questo, torniamo ancora un pò al castello. Costruito nel XV secolo su una altura per nulla attraente in mezzo a una palude, motivo per cui viene considerato una fortezza d’acqua, le cosiddette  Wasserburge. Tuttavia, già nel XVI secolo il castello, come fortezza militare, diventò l’ultima linea di difesa dagli ottomani… E qui torniamo al gallo e alla nota “leggenda dei galli”, che narra della furbizia dei pochi difensori del castello. Se ti interessa l’intera leggenda, recati a Đurđevac alla “Picokijada” (“Gallinata”) e apprendi i dettagli.

Un castello per 20 kune

La leggenda racconta che questo castello fosse talmente bello che il glorioso sultano turco Solimano il Magnifico vietò personalmente la sua distruzione. La sua bellezza non ha mancato di farsi notare neppure ai grafici delle banconote croate, che hanno posto il motivo del castello Eltz sulla banconota da 20 kune.  Ciò significa che se al quiz “Chi vuol essere milionario” ti domandassero quale castello si trovi sulla banconota da 20 kune croate, d’ora in poi non puoi sbagliare. Ma per trovarsi un giorno su una banconota, prima questo castello doveva essere costruito. Il merito di questo va ascritto principalmente al conte Eltz, il quale nel 1749, sul proprio feudo di Vukovar, ne iniziò la costruzione. Più tardi, il castello Eltz fu ampliato diverse volte, ed è dell’inizio del XX secolo il suo aspetto finale. Nel 1968 è diventato il Museo cittadino di Vukovar.